arrow Malattie occhi gatti

malattie degli occhi del gatto

| Stampa |  E-mail
Gli occhi del felino sono interessati da alcune patologie.

Patologie congenite della palpebra, possono comprendere la mancanza della palpebra superiore (entropion), o lesioni provocate da una ciglia. E’opportuno intervenire chirurgicamente per eliminare queste condizioni. La blefarite, è una infezione della palpebra provocata da batteri o funghi.

Una insufficiente lacrimazione può essere la causa di serie patologie dell’occhio, come la cheratocongiuntivite secca. Le lacrime escono all’esterno attraverso i dotti lacrimali che se parzialmentele occlusi, a causa di deformazioni congenite o infezioni, possono presentarsi di colore brunastro.

Le patologie della congiuntiva, molto comuni nei gatti, sono sintomi che spesso indicano una patologia generale (ad esempio una clamidiosi). L’herpesvirus della rinotracheite infettiva è caratterizzato da secrezione di muco purulento, da serie ulcerazioni della cornea e da cheratite puntata, sia nella forma acuta che cronica.

Le lesioni corneali caratteristiche dei Felini, tra le diverse, il sequestro corneale consiste nello sviluppo di una placca nerastra sulla superficie della cornea.

L’uveite, provoca il mutamento di colore dell’iride, che può assumere una colorazione rosata o diventare opaca e presentare la superficie ruvida.

Il glaucoma, è una affezione del bulbo oculare dovuta ad un aumento della pressione interna, con conseguente dilatazione della pupilla. Provoca forte dolore.

La retina, è una membrana del fondo oculare, la cui integrità è determinante per mantenere una vista idonea. Emorragie e distacco della retina seguono normalmente dopo un trauma o patologie gravi, ma possono generare anche da complicazioni dell’uveite. Una carenza di taurina che col tempo causa una degenerazione della retina, si può risolvere fornendo mangimi commerciali contenenti l’enzima.

I disturbi nervosi che interessano l’occhio, si possono suddividere:
  • strabismo;
  • prolasso della terza palpebra;
  • sindrome di Horner ( ritrazione della pupilla e prolasso della terza palpebra che interessa un solo occhio);
  • sindrome da pupilla dilatata;
  • disautonomia felina.
 
Il prolasso della terza palpebra, nel gatto si verifica quando questa palpebra non si ritrae mai rimanendo sempre visibile. La terza palpebra è posta nell’angolo interno dell’occhio, svolge una funzione protettiva favorendo la distribuzione delle lacrime nella cornea e difendendo l’integrità dell’occhio stesso. Le cause possibili possono avere una origine:
  1. meccanica: anomalia congenita caratterizzata da piccolezza dell’occhio (microftalmo), atrofia del bulbo oculare o trauma del muscolo detrattore provocato da lesione;
  2. neurologica: sistema parasimpatico iperattivo o disturbi addominal;
  3. lesioni dei nervi simpatici cervicali.
Il prolasso della palpebra, spesso è una conseguenza legata a disturbi dell’apparato digestivo. Il veterinario spesso interviene somministrando un lassativo, un vermifugo o un antisettico intestinale.

Con l’aumento della vita media del gatto, sono necessariamente aumentati i casi di cancro, le cui possibili cause si possono riscontrare nell’incidenza dell’inquinamento o del fumo passivo. Nei gatti i tumori maligni sono in netta crescita, in particolare in quei soggetti che hanno superato il terzo anno di età. Il carcinoma cutaneo è il tumore che colpisce maggiormente i Felini, poi seguono i tumori della mammella e i carcinomi dei tessuti molli. I tumori ghiandolari e i linfosarcomi sono associati alla FeLV. La sintomatologia del cancro varia a seconda dell’organo colpito, dalla sua  aggressività, se si tratta di metastasi o se è localizzato. Il cancro può causare effetti localizzati e non. Quelli localizzati sono caratterizzati da una massa o da un rigonfiamento, dalla totale distruzione di un organo, la forte pressione della massa tumorale su organi vicini. Gli effetti non localizzati sono causati da un’alta produzione o carenza di un ormone, oppure dalla secrezione di sostanze generate dal tumore stesso. Per accertare la presenza  di un tumore è necessario effettuare dei raggi X, una ecografia, una risonanza magnetica (MRI). In presenza di  un tumore canceroso il veterinario normalmente sottopone l’animale a intervento chirurgico coadiuvato spesso da chemioterapia, terapia irradiativa o può scegliere di praticare la sola chemioterapia.
 
< Prec.   Pros. >

www.animalidaffezione.com Ŕ un sito di informazione sugli animali da compagnia, in particolare sulle : razze di cani; sulle razze di gatti; sui cavalli (razze, veterinaria, selle, abbigliamento, etc), i pony e l'equitazione in generale (selle, equitazione western, dressage, salto ad ostacoli, completo); sui rettili (serpenti, iguana, geco, drago barbuto); sui roditori (criceti, cavie, cincillÓ, conigli, scoiattoli, topolini); sui mustelidi (furetti); sugli uccelli (pappagalli, canarini); sulle leggi per la protezione e la tutela degli animali.
Presente inoltre un forum con discussioni sugli animali domestici, ed una sezione dedicata agli annunci, ai cuccioli, alla vendita, ai negozi, agli accessori, all' accoppiamento e ai video e documentari sugli animali.