arrow Pappagalli

pappagalli

| Stampa |  E-mail
I pappagalli appartengono agli ordini degli Psittaciformi che si dividono in tre famiglie:
  • gli Psittacidi con 250 specie,
  • i Loridi con 55 specie,
  • i Cacatuidi con 20 specie.
 
La famiglia più numerosa è quella degli Psidaccidi che a loro volta comprendono: i Cacatuinae e i Nymphicinae.
Le differenze tra queste razze sono poco note, i Cacatuinae hanno un ciuffo sulla testa, il nome deriva dal loro verso “kaka-toa”, vivono in Australia e in qualche isola del pacifico. I Loridi hanno la lingua a spazzola che gli è utile per ripulire i fiori dal nettare, vivono in Australia, in Polinesia, in Nuova Zelanda e alle Molucche. Gli Psitaccidi comprendono molti esemplari eterogenei, vivono sparsi un po’ ovunque.

Secondo lontane fantasie i pappagalli sono stati compagni fedeli dei marinai in quanto animali intelligenti e di buona compagnia.
Non si tratta di animali domestici ma di antiche origini dal codice genetico immutabile, infatti un’eventuale convivenza con l’uomo non è facile poiché è un animale selvatico, abituato a vivere in totale libertà perciò non si riesce a gestirlo.

Il pappagallo va curato con attenzione, rispetto e molto impegno in quanto sono animali il cui atteggiamento è facilmente influenzabile dall’ambiente che lo circonda.
Gli animali in generale sono considerati come oggetti, vengono comprati e se non soddisfano, si riportano nel luogo precedente tanto che i centri di accoglienza ne sono pieni. Non rendendosene conto, ciò crea disagi all’animale ed ai specifici enti, quindi è bene stare attenti prima di scegliere di comprare.
E’ opportuno non acquistare di cattura poiché è reato togliere animali dalla natura ed inoltre il pappagallo si sta estinguendo.
Anche gli animali più innocui possono rappresentare problema per l’acquirente in quanto sono impauriti, non abituati ad un’eventuale convivenza con l’uomo e, addirittura, se hanno subito dei maltrattamenti durante il viaggio, possono diventare aggressivi oppure ammalarsi gravemente.

Le caratteristiche dei pappagalli sono costituite in generale da colori brillanti, acuta intelligenza, rumorosa socievolezza e sono animali dotati di straordinarie doti mimiche.
Nel nostro Paese sono noti in merito ad un programma televisivo (PORTOBELLO) che aveva come emblema proprio il pappagallo; in ogni puntata il concorrente, in poco tempo, doveva far dire all’animale il nome stesso del programma.
Molto diffusi sono anche dei modi di dire come “ripetere a pappagallo” per indicare una non partecipazione ad un’esposizione di eventi, oppure “fare il pappagallo”, quando si cerca di imitare in modo ridicolo qualche persona.
In poche parole la vera caratteristica di questi oggetti è rappresentata dalla capacità espressiva in quanto pagliacci e filosofi presenti costantemente nella vita dell’uomo.


I pappagalli in apparenza sono buffi, eleganti e distinti per il piumaggio, la dimensione, la loro posizione eretta, inoltre hanno un aspetto curioso per via del modo di osservare e di abbassare il capo; anche se le misure variano in ogni soggetto, resta uniforme l’aspetto esteriore.
In norma sono costituiti da una testa grossa, collo robusto che permette loro una rotazione del capo di 360°; il corpo è compatto, la coda può presentarsi in varie misure, le ali aderiscono bene al corpo e sono robuste.
Grazie alla conformazione corporea, alle ali e alla coda, i pappagalli riescono a volare con molta agilità anche per lunghe distanze. Molto particolare è la costituzione del becco, robusto e mobile, in quanto lavora non in dipendenza del cranio e riescono ad aprirlo in misure abnormi.
Queste sue caratteristiche lo rendono un componente poliedrico di cui si servono anche per arrampicarsi oppure per la pulizia, nella sua parte superiore c’è la cera, uno strato rugoso e carnoso; il becco lo si può osservare in molti colori.

Gli occhi sono di grandi dimensioni, rotondi ed intelligenti; le zampe sono corte e adatte per l’arrampicamento piuttosto che per il cammino. Si tratta di esemplari arboricoli provvisti di quattro dita, due rivolte all’indietro e due in avanti di cui si servono per mangiare; la loro taglia varia a seconda della specie ed il piumaggio, in norma, è colorato e brillante.

I pappagalli hanno costituzione leggera e in merito alle ossa cave e quelle spugnose, è anche adatta al volo. Lo scheletro è costituito dal cranio, costole, colonna vertebrale, sterno, arti anteriori (le ali) e quelli posteriori; inoltre le ossa influiscono nell’apparato respiratorio aiutando il trasporto dell’ossigeno nel sangue.
Il loro apparato fonatorio funziona in modo diverso rispetto a quello umano poiché l’emissione dei suoni proviene dalla siringe che vibra con l’aria contenuta negli appositi sacchi. I pappagalli sono dotati di una grossa e ruvida lingua costituita da papille gustative che gli permettono di riconoscere la qualità del cibo.
La digestione del cibo avviene tramite un tubo di dimensione lunga (apparato digerente) che può variare durante il percorso del cibo, a partire dalla bocca per poi concludersi nello stomaco diviso in due zone, ghiandolare e muscolare. Durante lo svezzamento le ghiandole secernano una sostanza, “latte di pappagallo”, dal gozzo, che contribuisce a rendere il cibo più morbido; hanno un’alimentazione ricca poiché digeriscono velocemente.
I sensi di questi esemplari non sono tutti sviluppati, se hanno un’ottima vista, sono privi di olfatto; l’udito è molto sviluppato. Per quanto riguarda il tatto, esso è marcato sulle zampe, becco e lingua e non è molto sviluppato; hanno il senso del gusto dovuto alle papille che si trovano sulla lingua.

Non è semplice riconoscere nei pappagalli il maschio dalla femmina; in alcune specie non si conosce proprio per cui è bene affidarsi ad un esperto se si vuole comprare una coppia di sesso diverso. Gli organi riproduttivi sono interni sia nel maschio che nella femmina; quindi soprattutto gli esemplari giovani non si distinguono e neanche ci si può fidare del comportamento o di fattori esterni.
Alcuni animali come l’Ecletto si riconoscono dal colore delle piume; il maschio è verde e la femmina rossa e blu.
Il Cacatua ha come particolare il colore dell’iride; nelle Calopsite la femmina ha una macchia rossa, vicino alle orecchie più pallida, nei maschi è più accesa, negli Agapornis i cana hanno nei maschi la testa bianca e la femmina verde, nei taranta i maschi hanno la fronte rossa accesa, nei pullaria il maschio ha una maschera rossa e la femmina arancione.
Altre razze cambiano colori sotto le ali e alla coda. Alcuni riconoscono i sessi toccando intorno alla cloaca dove i maschi hanno ossa più rigide, quelle delle femmine sono più elastiche e mobili per consentire alle uova di uscire più facilmente. Nel periodo della riproduzione è più semplice riconoscere il sesso nelle femmine già riprodotte che in quelle giovani.

I pappagalli sono molto sensibili, si lasciano influenzare dagli ambienti e dalle persone che li curano. In natura essi sono prede per cui vivono sempre con il timore di essere catturati, quindi sta sempre impaurito, si spaventa subito. Per poter stabilire un contatto con questo tipo di animali si deve seguire il suo tempo, rassicurare e capire il suo linguaggio corporeo.
Se si usa la forza si spaventa solo l’animale e lo si rende aggressivo.
Bisogna dunque rispettarlo e non trattarlo come un oggetto ma instaurare un rapporto amichevole perché il pappagallo è socievole, si affeziona, richiede attenzione, si possono paragonare a bambini piccoli, essi amano le relazioni per cui è bene sempre comprarli a coppie, essi amano la compagnia. Vivono in gruppi e sono fedeli al compagno tutta la vita.
Nella loro socialità non hanno gerarchie, neanche nella vita di coppia un animale non prevale sull’altro, non hanno un capo, non sa obbedire e solo dopo un paziente addestramento si può manipolare il loro comportamento.
Quindi per non disturbare l’emotività del pappagallo è bene controllare il nostro comportamento, la compagnia e il luogo che lo ospita.
 
< Prec.

www.animalidaffezione.com è un sito di informazione sugli animali da compagnia, in particolare sulle : razze di cani; sulle razze di gatti; sui cavalli (razze, veterinaria, selle, abbigliamento, etc), i pony e l'equitazione in generale (selle, equitazione western, dressage, salto ad ostacoli, completo); sui rettili (serpenti, iguana, geco, drago barbuto); sui roditori (criceti, cavie, cincillà, conigli, scoiattoli, topolini); sui mustelidi (furetti); sugli uccelli (pappagalli, canarini); sulle leggi per la protezione e la tutela degli animali.
Presente inoltre un forum con discussioni sugli animali domestici, ed una sezione dedicata agli annunci, ai cuccioli, alla vendita, ai negozi, agli accessori, all' accoppiamento e ai video e documentari sugli animali.