Epagneul nano

Cane Epagneul nano

Caratteristiche del cane Epagneul nano

Il cane Epagneul nano continentale, è un tipo di cane che era presente nello sfarzoso salotto delle dame, durante il Rinascimento.

Questi cani erano anche curati da personaggi illustri e sovrani: ad esempio Luigi XIV (il Re Sole) nutriva un particolare interesse nel mantenimento di questo esemplare.

Inoltre questo cane fu anche il modello di ritratti di Rubens per la regina Madre (che attualmente si trova al Louvre). Venne raffigurato anche dal Veronesi, David, il Bachelier e da tanti altri celebri artisti.

Vi sono delle incertezze circa le origini del cane Epagneul nano: c’è chi lo fa discendere dal Chihuahua messicano a pelo lungo, e chi invece dalla Cina.

In Italia era allevato e curato nel migliore dei modi. Non si sa, come questo cane sia giunto in Italia, ma molto probabilmente sono stati importati già allevati.

Successivamente furono riportati in Francia e nel Belgio, che effettivamente rappresentano la loro culla.

Attualmente in Europa e in Italia questo cane non è molto diffuso, nonostane il suo carattere allegro, fedele, sensibile ed ubbidiente al padrone, lo porti ad essere un ottimo cane d’appartamento. E’ un buon guardiano.

La sua statura può arrivare a  28 cm. Anche se non è molto alto, è un cane molto robusto.

Il peso oscilla tra i 2,5 e i 5 kg.

Gli occhi sono molto grandi, a mandorla e di colore scuro.

Gli orecchi cadenti sono detti a “Phalene”, l’orecchio è portato alto in stato di riposo del cane.

Un’altra varietà del cane Epagneul nano ha orecchi diritti, ed è nota come “Papillon”.

Per quanto riguarda gli arti, sono diritti con piedi come quelli della lepre.

Il pelo è abbondante in quasi tutte le parti del corpo, ondulato e resistente ai riflessi sericei.

Sono ammessi i cani di tutti i colori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


4 × tre =