levriero arabo

cane levriero arabo o sloughi

caratteristiche del cane levriero arabo o sloughi

Il cane Levriero arabo o Sloughi, proviene dall’antico Egitto, è un animale di gran classe per gli arabi, nonostante il loro disprezzo per la razza canina in generale.

Questi cani vengono allevati in particolare dagli sceicchi che sono nel deserto. Gli esemplari più belli provengono dal Sahara e, più precisamente, da Sloughuia.

Fotografia del cane levriero arabo o sloughi – http://www.dogbreedworld.com

 

Il Brehm ci dice che è un cane posseduto dai ricchi come dai poveri, mentre i primi lo usano come ornamento della casa e come compagnia, gli altri come un mezzo utile per i propri bisogni.

Sloughi o Levriero arabo.

Fotografia dei cani levrieri arabi.

E’ sempre attento ad ogni genere di rumore e quando gli sembra sospetto, va ad accertarsi e, se è il caso, avvisa il padrone attraverso la sua mimica eccezionale.

Il levriero arabo è impiegato per la caccia alla gazzella ed è molto veloce; attualmente è usato in alcuni cinodromi nel Nord Africa, in particolare in quello di Algeri.

In altri paesi, come la Francia è adibito per la compagnia e non per la caccia in quanto, da tempo è vietata.

Il suo carattere è molto tranquillo. E’ un cane obbediente, e molto educato.

Si presenta come un cane dall’ossatura molto accentuata e muscolatura asciutta; la statura ideale per i maschi è di 68 cm, per le femmine di 65 cm.

Sloughi o Levriero arabo.

Fotografia del cane Sloughi o Levriero arabo – www.petguide.com

E’ dotato di un cranio piatto e molto largo, il muso è lungo quasi quanto il cranio.

Gli occhi sono grandi e di color topazio bruciato, negli esemplari dal manto chiaro; gli orecchi sono ricadenti vicini alla testa. La coda è sottile e scarna come gli arti che inoltre sono dotati di ossa piatte.

Il pelo è fine e raso e può essere di color sabbia, tutte le tonalità di fulvo, bianco sbiadito, tigrato, nero con focature.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 4 = uno